Una Banca Può Vendere Un Appartamento Ipotecario Con Il Capitale Del Genitore?

Una Banca Può Vendere Un Appartamento Ipotecario Con Il Capitale Del Genitore?
Una Banca Può Vendere Un Appartamento Ipotecario Con Il Capitale Del Genitore?
Video: Una Banca Può Vendere Un Appartamento Ipotecario Con Il Capitale Del Genitore?
Video: Come vendere una casa ipotecata? 2023, Febbraio
Anonim

Molte giovani donne, dopo aver ricevuto il capitale di maternità dallo stato, lo investono nell'acquisizione di beni immobili. E questo processo avviene secondo il seguente schema: i giovani genitori acquistano un appartamento o una casa con un mutuo e parte del mutuo ipotecario viene pagato dal capitale di maternità. E tutto andrebbe bene, ma a volte arrivano difficoltà finanziarie e i proprietari dell'appartamento non possono adempiere ai loro obblighi finanziari.

Una banca può vendere un appartamento ipotecario con il capitale del genitore?
Una banca può vendere un appartamento ipotecario con il capitale del genitore?

Un istituto di credito ha il diritto di prendere un appartamento in un mutuo per un'ulteriore vendita al fine di estinguere il debito ipotecario.

Di norma, ciò non accade immediatamente. La banca attende diversi mesi dal debitore per saldare il debito su mancati pagamenti, multe, sanzioni e sanzioni. Quanto tempo aspettare dipende dalla banca, alcuni aspettano diversi mesi, altri fino a un anno. Il debitore viene regolarmente ricordato del debito sorto, cercando di ottenere informazioni sulla sua futura solvibilità. A volte si incontrano a metà: ristrutturano il debito, concedono ferie di credito, ecc.

Ma prima o poi, se il debitore non è d'accordo con la banca, può prendere l'appartamento. Anche un mutuo. Anche se lei è l'unica casa del debitore. Anche se il capitale di maternità è stato utilizzato durante l'acquisto.

Secondo l'articolo 446 del codice di procedura civile della Federazione Russa, un appartamento, che è l'unico alloggio del debitore, non può essere riscosso in base a documenti esecutivi, tranne nei casi in cui l'appartamento è oggetto di un'ipoteca. Infatti, se la banca non potesse vendere con la forza la proprietà del mutuatario insolvente, il significato di prestito ipotecario andrebbe perso. I mutui avrebbero acquisito un modo legale per non rimborsare il prestito e le banche non avrebbero concesso mutui.

Vale la pena notare che quando l'appartamento del debitore viene venduto, la banca non si prenderà cura del suo beneficio, quindi l'appartamento verrà venduto a un prezzo leggermente inferiore al prezzo di mercato. Dal ricavato verrà innanzitutto estinto l'intero debito sul mutuo ipotecario, sanzioni, multe e sanzioni.

In secondo luogo, la banca prenderà una certa percentuale per il pieno supporto dell'acquisto e della vendita di immobili.

In terzo luogo, su richiesta delle autorità di tutela, una parte dei fondi corrispondenti alle quote dei bambini nell'appartamento sarà destinata a conti speciali e sarà trattenuta su di loro fino alla loro maggiore età. I genitori possono disporre di questi fondi solo con il permesso delle autorità di tutela.

I fondi rimanenti saranno pagati al mutuatario fallito, l'ex proprietario dell'appartamento.

Ma ci sono casi speciali in cui la banca non può prendere l'appartamento. Questi sono casi in cui la violazione degli obblighi da parte del debitore è insignificante e chiaramente sproporzionata rispetto al costo dell'appartamento. Cioè, se il prestito scaduto non supera i 3 mesi e l'importo totale degli arretrati è inferiore al 5% del costo dell'appartamento, il tribunale non soddisferà le richieste della banca per il pignoramento dell'appartamento.

In altre parole, se entrambi questi requisiti sono soddisfatti contemporaneamente, la banca non potrà portare via l'appartamento. E non ci proverà nemmeno, poiché gli avvocati di banca sono ben consapevoli di questa sfumatura.

Il fatto che parte dell'ipoteca sia stata pagata dal capitale del genitore non incide in alcun modo sulla possibilità per la banca di prendere in affitto l'appartamento. Se guardi nel merito, il proprietario del capitale di maternità lo ha già speso per migliorare le condizioni abitative, cioè ha fatto tutto secondo la legge.

Dopo aver registrato l'acquisto e la vendita di un appartamento, ai bambini vengono assegnate azioni (condizione per l'utilizzo del capitale madre) e per alienare tali azioni, la banca dovrà ottenere l'autorizzazione per questo dalle autorità di tutela e amministrazione fiduciaria. Questa è l'unica difficoltà che la banca dovrà affrontare quando vende un appartamento.

In base all'articolo 20 della legge federale n. 48 "Sulla tutela e l'amministrazione fiduciaria", i beni immobili di proprietà del reparto non sono soggetti ad alienazione, salvo nei casi di pignoramento in materia di pegno. L'appartamento è la garanzia del mutuo ipotecario. Pertanto, la banca ha il diritto di vendere immobili con quote di minori in essi, ma è comunque obbligata a ottenere il consenso per questo.

Di norma, le autorità di tutela, nei casi in cui rimane una quantità significativa di denaro dopo il rimborso del debito del prestito, obbligano a creare un conto speciale per bambini e a mettere su di esso fondi commisurati alle loro precedenti azioni nell'appartamento. Nel caso in cui dopo la vendita dell'appartamento e il rimborso del debito non ci siano più soldi, controlla le azioni della banca.

Se la banca vende un appartamento con la quota di un minore, le autorità di tutela e amministrazione fiduciaria saranno obbligate a intentare una causa contro questa banca con l'obbligo di dichiarare illegale questa transazione.

Popolare dall'argomento